Johann Sebastian Bach

(1685-1750)

Toccata, Adagio e Fuga in Do maggiore, BWV 564


Georg Frederic Händel

(1685-1759)

Concerto in Sib maggiore op. 4 n.° 6

Andante, Allegro, Larghetto, Allegro

Edward Grieg

(1809-1847)

Holberg Suite, op. 40

Preludium, Sarabande, Gavotte, Air, Rigaudon

Ottorino Respighi

(1879-1936)

Suite in Sol maggiore

Preludio, Aria, Pastorale, Cantico

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Orchestra 'Gli Armonici di Bra', nasce a Bra il 26 febbraio 2010 per opera di Giuseppe Allione, che con grande intraprendenza e determinazione porta a compimento un interessante “progetto orchestrale”: costituire una formazione che possa affrontare repertori differenti, animata dalla volontà di dedicare tempo alla musica e suggellata dalla condivisione di un’esperienza comune.  Il concerto di inaugurazione, svoltosi sabato 19 giugno 2010  nella suggestiva Chiesa della SS. Trinità - Battuti Bianchi a Bra, dopo soli pochi mesi di prove, ottiene consensi ed ammirazione da parte del numeroso pubblico. Questa nuova orchestra, diretta dal fondatore, ha come finalità, il cimentarsi in un faticoso ma gratificante percorso di studio e di conoscenza di alcune meravigliose pagine della grande letteratura musicale, in particolare quella barocca. Oltre al repertorio prettamente orchestrale, il Complesso collabora in produzioni vocali-strumentali con il Coro Gandino. “Spiritual’s Friends”, il Coro Polifonico “L. Rocca” di Alba e solisti di chiara fama, come M. Tosello, A. Aiello e M. Data.

Jean Langlais (1907-1991) Incantation pour un jour Saint (Lumen Christi) Lino Liviabella (1902-1964) La Passione - da "Tre intermezzi per organo" Jacques Nicolas Lemmens (1823-1881) Sonata III in La minore Fantasie - Adoration - Finale, Alleluia Hermann Schroeder Preludio su "Christ ist erstanden" op. 11 n.° 4 (1904-1984) Herbert Howells Saraband for the morning of Easter (1892-1983) Dom Paul Benoit Cantilène  Paschale sur l'Alleluia du Samedi Saint (1893-1979) André Fleury - Carillon sur " Victimae Paschali Laudes"    (1903-1995) - Variations sur "O Filii et Filiae" André Fleury (1903-1995) Preludio e fuga in Si maggiore, op. 7 n.°1   Stefano Marino, nato a Torino nel 1988, ha intrapreso lo studio della musica sotto la guida di M. Palazzo e A. Montuschi, e ha successivamente approfondito la sua formazione presso i Conservatori di Torino e Alessandria, diplomandosi in organo e composizione organistica sotto la guida di G. Gai. Ha partecipato a diversi masterclass tenuti da L. Lohmann, L. Robilliard, S. Kagl e M. Nosetti. È organista titolare dell’organo sinfonico della chiesa di S. Giovanni Evangelista; collabora come organista presso la Cattedrale di Torino. Svolge inoltre attività concertistica, con complessi vocali e come solista, in importanti sedi, fra le quali, nel 2014 nella Basilica di San Paolo fuori le Mura. Ha collaborato all'incisione di un CD, donato al Santo Padre Benedetto XVI, e nel 2010 con la televisione russa, nella Cattedrale di Torino, in occasione di un documentario sulla Sacra Sindone. Paolo Giacone, nato nel 1986, ha intrapreso gli studi musicali con Omar Caputi, diplomandosi col massimo dei voti e la lode in Organo e Composizione Organistica presso il Conservatorio di Musica “G. F. Ghedini” di Cuneo sotto la guida di Massimo Nosetti. Ha partecipato ai corsi annuali presso l’Accademia di Musica Sacra “San Rocco” di Alessandria (risultando vincitore di una borsa di studio concertistica nel 2010) e il V Corso “Romanticismo e Sinfonismo tra XIX e XX secolo” tenuto da M. Nosetti al monumentale organo Tamburini della Cattedrale di Messina. Nell’estate 2014 ha preso parte al XXXI Corso internazionale di organo svolto da D. Roth agli organi Cavaillé-Coll di San Sebastián (Spagna). Dal 2011 ricopre l’incarico di organista titolare del Santuario di Sant’Antonio da Padova in Torino. All’attività musicale affianca l’interesse per le discipline umanistiche e la ricerca musicologica; ha inoltre conseguito, con lode e dignità, la Laurea magistrale in Lettere con una tesi in storia della musica dal titolo “La letteratura per organo e orchestra tra Ottocento e Novecento”, premiata dal Senato Accademico dell’Università di Torino e unico studio italiano in materia.

Luca Scandali, organo solista

Coro Gandino Spiritual’s Friends - Corale Santa Rita

Omar Caputi, organo - Giuseppe Allione, direttore

 


Dietrich Buxtehude Praeludium in sol min, BuxWV 148
(1637-1707)
Johann Sebastian Bach Wachet auf, ruft uns die Stimme BWV
(1685 – 1750)
Luis-Claude Daquin da “Nouveau Livre de Noels”
(1694 – 1772) Noel en duo, sur les jeux d'anches
Felix Mendelssohn-Bartholdy Preludiuo e fuga in fa minore, op. 35 n.° 5
(1809 – 1847) trascrizione di Christoph Bossert
César Franck Pastorale, op. 19
(1822 – 1890)
Petr Eben

Hommage à Dietrich Buxtehude (1987)

(1929 – 2007)
Antonio Salieri Confirma hoc Deus
(1750 – 1825)

David Willcocks (arrang.)

(1919)

. Angelus ad virginem (anonimo sec. XIV)

. Ding Dong (anonimo sec. XVI)

. Sussex Carol (anonimo inglese)

John Rutter

(1945)

. Angel’s carol

. Chritmas Lullaby

George Rathbone

(1874-1951)

 

Rejoice in the Lord alway

Gustav Holst

(1874-1934)

. Christmas Day

. Personent Hodie

James Andrew Korman

(1870-1946/47)

Hodie Christus Natus Est

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Luca Scandali è diplomato in Organo e Comp. Organistica con il massimo dei voti sotto la guida di P. Tarducci e in Clavicembalo, sempre con il massimo dei voti, presso il Cons. di Musica “G. Rossini” di Pesaro dove, successivamente, ha ottenuto il diploma di Composizione sotto la guida di M. Ferrante. Formatosi con T. Koopman, A. Marcon, L. Tamminga, L. Tagliavini, ha vinto la prima edizione della borsa di studio “F. Barocci” per giovani organisti, istituita ad Ancona nel 1986. Nel 1992 si è aggiudicato il III° premio al 1° Concorso Internazionale d’Organo “Città di Milano”, e nel 1994 il IV° premio all’11° Concorso Intern. d’Organo di Brugge (Belgio). Nel 1998 si è aggiudicato il I° premio al prestigioso 12° Conc. Intern. d’Organo “Paul Hofhaimer” di Innsbruck (Austria), assegnato solo quattro volte nella sua quarantennale storia. Ha tenuto masterclass e corsi di perfezionamento in Italia e all’estero e si è esibito in numerosi ed importanti festival in Italia e all’estero soprattutto come solista, ma anche in varie formazioni cameristiche ed orchestrali. Attualmente è titolare della cattedra di Organo e Comp. Organistica presso il Cons. di Musica “F. Morlacchi” di Perugia. Ha curato, per Il Levante Libreria Editrice (collezione Tastata), la pubblicazione delle “Canzoni de intavolatura d’organo fatte alla francese” (1599) di Vincenzo Pellegrini (1562 ca.-1630). Ha inoltre registrato per varie case discografiche italiane e straniere e sempre recensite e segnalate dalle più importanti riviste specializzate.

Il Coro Gandino Spiritual’s Friends si è costituito nel 2000 all’interno dell’Istituto musicale “A. Gandino” dalla volontà e dalla costanza di alcuni ragazzi di continuare e approfondire l’esperienza corale svolta durante le lezioni complementari di coro. Attualmente è composto da 25 elementi. Nel giugno 2006 ha partecipato alla produzione dello Jephte di G. Carissimi e pagine mozartiane con l’Orchestra del Civico Istituto Musicale “A. Gandino” di Bra. Nel 2008 ha partecipato al IX Concorso di Canto corale ad Alba organizzato dall’Associazione ACP risultando vincitore nella categoria “Spiritual’s e Gospel”. Nel 2009 ha eseguito “Il Zabaione” di A. Banchieri. Di recente il Coro si è dedicato anche alla musica celtica e alla musica sacra. Nel 2014 è stato promotore della I Rassegna corale della quale ha fatto parte ottenendo ottimi consensi di critica.

La Corale Santa Rita nasce nel Santuario di Santa Rita da Cascia di Torino per volontà del Rettore don Leonardo Birolo e del suo direttore Omar Caputi per arricchire la vita liturgica del santuario. Presto quello che è il normale e ordinario servizio liturgico si evolve in qualcosa di più raffinato e artisticamente maturo tale da portare la Corale Santa Rita ad esporsi nel panorama musicale piemontese. Nel 2012 la Corale Santa Rita ha inaugurato il Primo Festival Internazionale delle Langhe del Barolo riscuotendo ottimi apprezzamenti.

Corale Santa Rita

Coro Gandino Spirituals & Friend’s

Giuseppe Allione, organo

Omar Caputi, direttore

 

Johann Sebastian Bach

Preludio in Do minore BWV 549
(1685-1750)
Joseph Gabriel Rheinberger da 5 Hymnes op. 140: Tribulationes, Dextera Domini
(1839-1901)
Johann Sebastian Bach O Mennsch, bevei dein Sunde grass BWV 622
Joseph G. Rheinberger da 5 Hymnes op. 140: Eripe me
Johann Sebastian Bach An Wasserflüssen Babylon BWV 653
Joseph G. Rheinberger da 5 Hymnes op. 140: Ave Regina
Johann Sebastian Bach Wer nur den lieben Gott lässt BWV 642
Joseph G. Rheinberger da 5 Hymnes op. 140: Angelis suis
Baritono, Ettore Michele Lalli
Johann Sebastian Bach Fuga in Do minore BWV 549
Omar Caputi
Tenebrae factae sunt
(1970)

Charles Tournemire Impovvisazione su Victimae paschali Laudes
(1870-1939)
Georg Friedrich Händel Zadok the priest
(1685-1759)

Il Coro Gandino Spiritual’s Friends si è costituito nel 2000 all’interno dell’Istituto musicale “A. Gandino” dalla volontà e dalla costanza di alcuni ragazzi di continuare e approfondire l’esperienza corale svolta durante le lezioni complementari di coro. Attualmente è composto da 25 elementi. Nel giugno 2006 ha partecipato alla produzione dello Jephte di G. Carissimi e pagine mozartiane con l’Orchestra del Civico Istituto Musicale “A. Gandino” di Bra. Nel 2008 ha partecipato al IX Concorso di Canto corale ad Alba organizzato dall’Associazione ACP risultando vincitore nella categoria “Spiritual’s e Gospel”. Nel 2009 ha eseguito “Il Zabaione” di A. Banchieri. Di recente il Coro si è dedicato anche alla musica celtica e alla musica sacra. Nel 2014 è stato promotore della I Rassegna corale della quale ha fatto parte ottenendo ottimi consensi di critica.

La Corale Santa Rita nasce nel Santuario di Santa Rita da Cascia di Torino per volontà del Rettore don Leonardo Birolo e del suo direttore Omar Caputi per arricchire la vita liturgica del santuario. Presto quello che è il normale e ordinario servizio liturgico si evolve in qualcosa di più raffinato e artisticamente maturo tale da portare la Corale Santa Rita ad esporsi nel panorama musicale piemontese. La Corale ha già al suo attivo un congruo numero di concerti tenuti presso le cattedrali piemontesi che hanno sempre riscosso ottimi apprezzamenti dalla critica specializzata.

Giuseppe Allione, braidese, si è diplomato in Pianoforte con i M° Luciano Giarbella, Musica Corale e Direzione d’orchestra con i M.tri Mario Lamberto, Prepolifonia Fulvio Rampi presso il Conservatorio G. Verdi di Torino, Composizione Paolo Rimoldi e Organo Massimo Nosetti presso il Conservatorio Ghedini di Cuneo. Ha partecipato a due Master sulla musica di Bach con l’organista Ewald Kooiman, e nel 2011 con l’Organista Olivier Latry. Nel Luglio 2008 ha frequentato il Corso di Direzione d’orches-tra al Conservatorio di Vienna con il M° Salvador  Mas Conde. Ha frequentato corsi di perfezionamento per Maestro collaboratore presso il Teatro dell’Opera Giocosa di Savona, in qualità di Maestro di sala rammentatore e di palcoscenico, con i M.tri Giacosa e Dominici. Svolge un’ intensa attività concertistica come organista, direttore di coro e pianista, soprattutto in qualità di accompagnatore di cantanti, nel repertorio cameristico e operistico. Nel campo organistico, oltre ad altri concerti, ha partecipato alla stagione organistica Les Heures d’Orgue alla Cathédrale d’Annecy (Francia), al Festival internazionale organistico al Santuario di S. Rita a Torino e all’Eglise du Sacré Coeure de Losanna/Ouchy (Svizzera). Ha diretto l’Orchestra del Conservatorio di Torino con la quale ha eseguito la Sinfonia “Italiana” di F. MENDELSSHON, l’Orchestra Pressenda di Alba, il Petit Ensemble Instrumental, l’Orchestra “B. Bruni” di Cuneo, e, di Bra le Orchestre: d’Archi “A. Gandino”,. Fiati “A. Gandino” e “Gli Armonici” da lui fondate. Dal 2002 al 2012 è stato Direttore del Civico Istituto Musicale  Adolfo Gandino di Bra e dal 1989 docente di Armonia Composizione e Coro e Pianoforte complementare. È docente di Teoria e solfeggio presso il Civico Istituto Musicale di Alba. Dal 1992 dirige il Coro polifonico Rocca di Alba, di Bra dal 2000 il Coro Gandino “Spiritual’s Friends” e dal 2003 il Coro del Liceo Scientifico, Linguistico-Classico “G. Giolitti-G.Gandino” di Bra. Ha diretto per otto anni il Complesso bandistico “Arrigo Boito” di Fossano, con cui ha ottenuto prestigiosi premi in Concorsi nazionali (Cascina e Condove). Dal 2006 collabora con l’Orchestra Sinfonica Nazionale della Rai, in qualità di Cembalista ed Organista. Con il Quintetto della Rai ha eseguito nel 2009 due concerti di Händel per organo.

Nato nel 1970, a soli 23 anni, Omar Caputi, organista titolare presso il Santuario di Santa Rita, si è distinto sulla scena internazionale con le trascrizioni dei Concerti Brandeburghesi n° 3 e n° 6 di Johann Sebastian Bach eseguiti da Massimo Nosetti in Parigi (Saint Eustache), Los Angeles (Crystal Cathedral), Lipsia (Gewandhouse) ancor prima della loro pubblicazione cartacea e discografica avvenuta nel 2000 per mano dello stesso autore. In seguito altre trascrizioni come quella dei Concerti Grossi di G. F. Händel e diverse composizioni per coro e organo e per organo solo come la recentissima e molto apprezzata Toccata sul tema del “Dies irae” presentata nel 2012 al Festival Internazionale di Santa Rita a Torino. Definito dalla critica specializzata un “musicista di razza”, nel 1998 ha debuttato come compositore a Roma nella chiesa di Sant'Ignazio e nella Basilica di San Pietro in Vaticano con “Alleluia per la festa di Pentecoste”, anch’esso pubblicato, per coro e organo riscuotendo notevoli apprezzamenti.
Formatosi con Franco Soldera prima, e Massimo Nosetti dopo, terminati gli studi presso il Conservatorio di Cuneo "Giorgio Federico Ghedini", Omar Caputi si è perfezionato sulla musica francese antica, romantica e moderna con René Saorgin, Daniel Roth e Lionel Rogg. Sempre a completamento la propria formazione artistica ha frequentato il corso di analisi musicale con Marcel Bitsch, prestigioso compositore francese, e il corso triennale di Canto Gregoriano presso la città di Chieri. Musicista eclettico, il maestro ha tenuto concerti in veste di organista, cembalista e diretore di coro, sia come solista che in gruppo e la sua attenzione e ricerca artistica lo hanno portato a tenere concerti unici nel panorama musicale italiano.
Nel 2007, affiancato dalla Banda della Polizia Municipale della Città di Torino, ha eseguito per la prima volta in Europa in un concerto memorabile, “The Fenlands”, composizione originale per organo e Symphonic Band del grande musicista inglese Arthur Wills. Nel 2013, sempre in prima esecuzione europea, in collaborazione con Ercole Ceretta, direttore e tromba solista, ha realizzato uno speciale disco per presentare le composizioni del maestro norvegese Kjell MØrk Karlsen composte per organo, brass band e percussioni riscuotendo notevoli apprezzamenti. Anche in campo organistico-corale il suo impegno è costante avendo realizzato, sotto la direzione di Massimo Nosetti, le escuzioni di importanti lavori come il Requiem di Maurice Durufle, la grande Messe Solennelle di Louis Vierne, la Messa di Camille Saint-Saëns.
Docente di organo presso la scuola musicale “Lodovico Rocca” di Alba, Omar Caputi è il direttore artistico del Festival Organistico Internazionale.

 

An Wasserflüssen Babylon BWV 653

 

 

 

Guy Eldridge Fanfare
()
Nicolaus Brhuns Preludio e Fuga in Sol minore
(1665-1697)
Preludio e Fuga in Mi minore
Homage per i 350 anni dalla nascita
Johann Gottfried Walther Concerto del signor Tomaso Albinoni
(1684-1748) Allegro - Adagio - Allegro
Wolfgang Rübsam Gelobt sei Gott im hoechsten Thron
(1946) Fanfare and Prayer
César Franck Corale III
(1822 – 1890)
Alexander Guilmant Adagio dalla Sonata n° 6
(1837-1911)
Naji Hakim Memor
(1955)
Richard Freteur Offertoire alla Vierge Marie
(1907-1988)
Carillon Sortie
Johann Sebastian Bach Toccata e Fuga in Re minore BWV 565
(1685 – 1750)
Isaac Albeniz Asturias